ANDREA BURRONI

Foto Andrea

ANDREA BURRONI
è nato a Siena nel 1952, interessanti  critiche alle sue opere sono apparse, già negli anni ’70, sulle più famose riviste specializzate;

unanime è il riconoscimento della coerenza e dell’impegno che caraterizzano l’artista.

Bibliofilo, collezionista e critico d’arte ha vissuto a New York, Pargi e Londra; il suo percorso di vita lo porta, sempre più, ad avvicinarsi all’architettura che è da sempre il contenitore di tutte le arti, intraprendendo una lunga e proficua carriera di interior designer.

Numerosi sono i riconoscimenti, le pubblicazioni e le interviste in Italia e all’estero.

andrea 2

Le Interviste

Servizio CoteMaison 29.04.2012 – Villa Traverso Pedrina

Servizio Cote Maison 29.04.2011 – Villa Ferraia – France Television

LA CRITICA

Nei secoli scorsi, quando il mito e la leggenda confondevano i loro confini con quelli delle scienze esatte, esistevano gli alchimisti, capaci di trasformare i metalli vili in oro.

Erano figure che disvelavano un impegnativo processo di metamorfosi, che comportava una profonda conoscenza di principi e studi antichi, oltre ad una sicura padronanza della materia.

Oggi, il ruolo dell’alchimista è scomparso nel concreto di una figura professionale, ma ne è rimasta la metafora, ad indicare chi, dotato di sconfinate conoscenze e risorse, riuscendo a vedere le potenzialità di una situazione o di un oggetto, possa metterle in atto.

E risuonano nella mente le sagge parole del poeta libanese Kahlil Gibran: «(…) mettere in atto le cose in cui si crede è una prova di forza».

Andrea Burroni, collezionista prima ancora che architetto e designer, amante della cultura e per questo capace di veicolare espressioni artistiche dialogando con qualsiasi periodo storico, è un alchimista culturale, sempre attento alle novità, ma con un occhio rivolto anche alla grande tradizione, poiché senza memoria perderemmo la nostra identità.

Pronto ad accettare nuove sfide, riesce a destreggiarsi in diversi ambiti e progetti, comprendendo le esigenze del cliente, che diviene un vero e proprio amico, coinvolto in tutte le fasi di realizzazione: Burroni condivide esperienze, è aperto al confronto ed ama la ricerca. Dotato di una passione smisurata per il suo lavoro, è vulcanico e meticoloso al contempo nel documentarsi e nel presentare le sue proposte.

Dalla progettazione di strutture architettoniche ex novoalla ristrutturazione, dall’arredo di interni alla realizzazione di mobilia su misura, dalle consulenze artistiche alle realizzazioni di eventi di qualsiasi genere, l’universo di Burroni è in continua espansione.

«Il mondo […] non è stato creato una volta, ma tutte le volte che è sopravvenuto un artista originale», scrisse in effetti Marcel Proust ne I Guermantes: la capacità di Andrea Burroni è appunto quella di consigliare, di far conoscere, di arricchire e far scoprire nuovi orizzonti.

Un’alchimia culturale, appunto, la sua, la scintilla creativa di un esteta, cultore della vita e delle sue bellezze.

 

Giulia Zandonadi – Storica dell’arte